Logo GH Bianco

Voucher Digitali I4.0 – Chieti & Pescara

Regione

Scadenza

30/07/2022

Soggetti
beneficiari

Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente Bando le imprese che, alla data di presentazione della domanda e fino alla concessione dell’aiuto, presentino i seguenti requisiti:

a)  siano Micro o Piccole o Medie imprese come definite dall’Allegato 1 del regolamento UE n. 651/20142;
b)  abbiano sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio Chieti Pescara. Nell’ipotesi in cui l’impresa abbia la sola unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio Chieti Pescara, il contributo richiesto deve essere riferito agli investimenti effettuati nell’unità operativa di zona;
c)  siano attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
d)  siano in regola con il pagamento del diritto annuale;
e)  non siano in stato di fallimento, liquidazione (anche volontaria), amministrazione controllata, concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
f)  abbiano legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’art. 67 del D.lgs. 6 settembre 2011, n.159 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia);
g)  siano in regola con le norme in materia previdenziale e contributiva, tenendo conto delle eventuali disposizioni di moratoria previste dai DPCM sull’emergenza Covid-19;
h)  non abbiano forniture in essere con la Camera di Commercio Chieti Pescara;
i)  non abbiano pendenze con la Camera di Commercio Chieti Pescara.

Sono escluse dal beneficio del presente bando le domande di contributo delle imprese cui sono stati già erogati contributi a valere sul “Bando voucher digitali I4.0 – annualità 2021” della Camera di Commercio Chieti Pescara.

Presentazione delle domande

Dal giorno 26/04/2022 fino al giorno 30/07/2022.

Intensità agevolazione

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di voucher.

I voucher avranno un importo unitario massimo di euro 5.000,00.

L’entità massima dell’agevolazione non può superare il 70% delle spese ammissibili.

L’importo minimo dell’investimento è € 1.500,00 a meno che non si tratti di una rete di imprese (minimo n. 3 imprese) che richiede un investimento minimo di € 500,00 ad impresa.

Iniziative
ammissibili

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale ricompresi nel presente Bando dovranno riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1 con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2.

Elenco 1: utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi e, specificamente:

a) robotica avanzata e collaborativa;
b) interfaccia uomo-macchina;
c) manifattura additiva e stampa 3D;
d) prototipazione rapida;
e) internet delle cose e delle macchine;
f) cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;
h) big data e analytics;
i) intelligenza artificiale;
j) blockchain;
k) soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
l) simulazione e sistemi cyberfisici;
m) integrazione verticale e orizzontale;
n) soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
o) soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
p) sistemi di e-commerce; Il “commercio elettronico” è definito come lo scambio di beni o servizi che avviene mediante l’utilizzo di un processo elettronico. Sebbene la vendita tramite piattaforma online sia oggi la modalità di e-commerce più diffusa, il commercio elettronico comprende anche altre forme di scambio di beni o servizi purché avvengano tramite un “processo telematico”. Ciò significa che l’e-commerce può avvenire anche mediante l’utilizzo altre reti (ad esempio, reti proprietarie) o mediante scambio di documenti informatici tramite e-mail o App di messaggistica. l commercio elettronico B2C è il più diffuso ed è quello che avviene normalmente quando un consumatore effettua un acquisto online su una piattaforma. Tale forma di e-commerce presenta notevoli peculiarità, in quanto è ad essa applicabile la normativa prevista dal Codice del Consumo.

Tutte le spese di consulenza e/o formazione per l’allestimento delle vetrine virtuali dei negozi on line o per la partecipazione a marketplace potranno essere ricomprese tra le spese ammissibili. Il bando finanzia inoltre l’acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie. Essendo l’e-commerce una tecnologia ammessa, le spese per servizi forniti dai gestori dei portali di vendita on line (es. spese per la realizzazione di schede di promozioni digitali, ecc.) sono ascrivibili all’ambito delle spese ammissibili purchè finalizzate all’implementazione della tecnologia.

Elenco 2: utilizzo di altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

a)  sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
b)  sistemi fintech;
c) sistemi EDI, electronic data interchange;
d)  geolocalizzazione;
e)  tecnologie per l’in-store customer experience;
f)  system integration applicata all’automazione dei processi;
g)  tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
h)  soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica;
i)  connettività a Banda Ultralarga;
j)  sistemi per lo smart working e il telelavoro;
k) programmi di digital marketing;
l) soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19.

Spese
ammissibili

Sono spese ammissibili:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal presente Bando;
  • acquisto di beni e servizi strumentali materiali e immateriali, inclusi dispositivi e spese di connessione (in rapporto alla dimensione aziendale e al numero di dipendenti), di cui all’Elenco 1 del presente bando ed eventualmente di una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al suddetto Elenco 1.

Richiedi
informazioni!

Vuoi far crescere il tuo business online?
Contattaci subito.